Indennizzo dell’assicurazione: cosa fare se è troppo basso

Quando ricevi una proposta di indennizzo da parte dell’assicurazione, spesso non sei in grado da solo di stabilire se questo è stato equo o troppo basso.

Ecco cosa fare se sospetti di aver ricevuto un indennizzo non in linea con le tue aspettative

Se ti è stata fatta una proposta di indennizzo a seguito di un caso di malasanità, un infortunio sul lavoro, un incidente stradale o qualsiasi altro tipo di danno coperto da polizza assicurativa, e ti sembra troppo bassa, non è improbabile che tu abbia ragione.

Il fatto è che né tu né il tuo assicuratore, potete avere le giuste competenze nel settore del risarcimento danni per poterlo stabilire, ma è bene che tu sappia quanto ti diremo in questo articolo.

 

Come devi comportarti, quindi, quando l’offerta di risarcimento danni dell’assicurazione ti sembra troppo bassa?

Rifiutare la proposta di risarcimento: l’acconto

Prima di tutto devi sapere che non sei obbligato ad accettare l’indennizzo se non ti sembra giusto: quando il danneggiato riceve l’offerta di risarcimento da parte della compagnia assicurativa, infatti, per legge  ha il diritto di accettarla o di rifiutarla.
Il comma 2 dell’articolo 148 del Codice delle assicurazioni private, infatti, stabilisce che la compagnia assicurativa è obbligata a fare al danneggiato una proposta congrua al danno subito e di presentarla entro i termini prestabiliti.
Al comma 6  dello stesso articolo, si specifica che nel caso in cui il danneggiato accetti l’offerta di risarcimento, la compagnia avrà  15 giorni di tempo dalla risposta per effettuare il pagamento dell’indennizzo.
In caso invece di rifiuto dell’offerta o decorsi trenta giorni dalla comunicazione senza alcuna risposta da parte tua, la compagnia assicurativa è tenuta comunque ad effettuare il pagamento del risarcimento entro 15 giorni, ma in questo caso la cifra sarà considerata come un acconto sulla liquidazione di un danno maggiore.

Quindi la tua pratica non potrà considerarsi chiusa, e non potrà essere considerata come un’accettazione da parte tua.

Dunque, se rifiuti l’offerta,  ricevi comunque un indennizzo entro 15 giorni, ma puoi farlo aumentare con l’aiuto di un esperto in materia di risarcimenti.

 

Stabilire con esattezza l’entità  dei danni fisici: il medico legale

Se hai patito danni fisici, conserva tutta la documentazione medica:certificati medici (pronto-soccorso, specialista, medico di base), referti degli esami e delle visite mediche effettuate a seguito dell’incidente,  terapie e i farmaci prescritti per la cura delle lesioni che hai riportato.

Questi documenti serviranno per la perizia medico-legale, che avverrà terminato il processo di guarigione, dove un medico incaricato dall’assicurazione valuterà i danni che hai subìto.

Il medico legale, che si baserà sul periodo che ti è stato necessario per riprenderti totalmente dall’incidente, stabilirà un’invalidità temporanea e l’eventuale percentuale di invalidità permanente, qualora l’incidente ti abbia arrecato dei danni irreversibili.

Il punteggio di invalidità, viene determinato facendo riferimento ad apposite tabelle nelle quali sono indicati i parametri numerici da utilizzare per quantificare una lesione permanente all’integrità psicofisica di una persona.
Nel caso di danni plurimi, l’invalidità non sarà comunque una sommatoria delle singole lesioni, ma verrà calcolata in base a una valutazione integrale delle menomazioni nella loro interezza.

In questi casi, come vedi, la valutazione può risentire di un parere soggettivo, ed è dunque auspicabile avere un medico legale di parte che difenda i tuoi diritti.

 

Calcolo dei danni alla persona 

Una volta stabilita l’entità del danno, il risarcimento viene calcolato in base a specifiche tabelle che determinano l’importo esatto dell’indennizzo assicurativo in base al punteggio d’invalidità permanente o temporanea riscontrato nel danneggiato.

Sul nostro sito abbiamo predisposto dei calcolatori che puoi utilizzare per avere una stima del risarcimento che ti spetta, come ad esempio il calcolatore per le lesioni di lieve entità.

Per il resto delle informazioni che ti interessa approfondire con noi in merito al tuo risarcimento troppo basso, contattaci immediatamente se desideri un intero staff di consulenti di parte, ognuno esperto nella specifica disciplina che ti riguarda (e non un semplice assistente legale generalista) che tuteli i tuoi diritti e ti faccia sempre ottenere un equo risarcimento dei danni che hai subito.

Abbiamo già risolto con successo decine di casi come il tuo, e forti di tanta esperienza pregressa siamo in grado di farti ottenere il risarcimento che meriti nel minor tempo possibile, attraverso una gestione ottimale della tua pratica.

Oltre a questo, ti ricordiamo che se non dovessimo arrivare al risarcimento, nulla ti sarà richiesto.

 

Parlaci subito del tuo caso

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *